Società Trasparente

I costi contabilizzati dei servizi erogati sono riportati nel Bilancio di esercizio inserito nella voce Bilancio IFCA 2020.

L’Istituto Fiorentino di Cura e Assistenza S.p.A. eroga per il 70% circa della propria attività complessiva prestazioni di ricovero a “gestione pubblica”, ossia nei confronti di pazienti selezionati e inviati direttamente dai Presidi Pubblici del SSR. Rientrano in questa tipologia, quindi, i ricoveri di medicina per pazienti provenienti dai DEA degli Ospedali Pubblici, i ricoveri di Riabilitazione e i ricoveri chirurgici per l’attività in erogazione congiunta delle prestazioni con l’Azienda USL Toscana Centro, l’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e l’Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer.

Rientrano nel 30% circa di attività a “gestione diretta” della Casa di Cura, ossia nei confronti di pazienti che accedono alle prestazioni di ricovero a seguito di prescrizione effettuata dal medico di medicina generale, le attività chirurgiche afferenti alle discipline di Ortopedia e Neurochirurgia.

In attesa che venga data attuazione alla Delibera della Regione Toscana n. 638 del 20/07/2009 recante “Direttiva per la gestione unica delle liste degli interventi chirurgici e dei tempi massimi di attesa, in regime istituzionale sia ordinario che libero-professionale. Tutela del diritto di accesso dell’assistito”, l’Istituto Fiorentino di Cura e Assistenza opera sulla base di budget assegnati dall’Azienda USL Toscana Centro che sono predefiniti e che non consentono di generare una vera e propria lista di attesa.

Ai sensi dell’articolo 2-bis, comma terzo e degli articoli 5 e seguenti del D. Lgs. 33/2013, la società riconosce il diritto di accedere ai dati, documenti e informazioni entro i limiti di quanto previsto dal D. Lgs. 33/2013, attraverso gli istituti dell’accesso civico semplice e dell’accesso civico generalizzato.
Le strutture sanitarie private accreditate sono soggette al diritto di accesso civico in relazione ai soli dati, documenti e informazioni relativi allo svolgimento dell’attività di assistenza sanitaria.
Ai sensi di quanto previsto dagli articoli 5 e ss. del D. Lgs. 33/2013, la società si riserva di dare comunicazione delle richieste pervenute agli eventuali controinteressati e di dare diniego alle richieste di accesso per le ragioni e i motivi indicati dalla legge.
Ai sensi dell’art. 5, comma 4, del D. Lgs. 33/2013 il rilascio di dati o documenti in formato elettronico o cartaceo è gratuito, salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto e documentato dalla società per la riproduzione su supporti materiali.
Le richieste di accesso ricevute sono riportate in apposito registro.

Accesso civico semplice – Modalità di presentazione delle richieste

L’accesso civico semplice (art. 5, comma primo, del D. Lgs. n. 33/2013) ha ad oggetto dati, documenti e informazioni oggetto di pubblicazione obbligatoria, qualora sia stata omessa la loro pubblicazione.

Il competente per l’accesso civico semplice è il direttore di struttura.

La richiesta di accesso civico semplice ai sensi dell’art. 5, comma primo, del D. Lgs. n. 33/2013, dovrà identificare i dati, le informazioni o i documenti richiesti e potrà essere presentata alternativamente:

  • Via Pec all’indirizzo ifca@legalmail.it
  • Via mail o tramite posta ordinaria all’indirizzo della struttura pubblicati sul presente sito
  • Di persona presso l’indirizzo della struttura pubblicato sul presente sito

Titolare del potere sostitutivo, attivabile nei casi di ritardo o mancata risposta, è L’amministratore Delegato di I.F.C.A. S.p.A.., contattabile al numero 055-5038604 o all’indirizzo di posta elettronica adfirenze.direzione@giomi.com

Accesso civico generalizzato – Modalità di presentazione delle richieste

L’accesso civico generalizzato (art. 5, comma secondo, del D. Lgs. n. 33/2013) ha ad oggetto dati, documenti e informazioni ulteriori rispetto a quelli che la Società è obbligata a pubblicare, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti e dei divieti di legge.

Il competente per l’accesso civico generalizzato è il direttore di struttura.

La richiesta di accesso civico generalizzato ai sensi dell’art. 5, comma secondo, del D. Lgs. n. 33/2013 dovrà identificare i dati, le informazioni o i documenti richiesti e potrà essere presentata alternativamente:

  • Via Pec all’indirizzo ifca@legalmail.it
  • Via mail o tramite posta ordinaria all’indirizzo della struttura pubblicati sul presente sito
  • Di persona presso l’indirizzo della struttura pubblicato sul presente sito
I nostri reparti

Scopri le nostre
Aree Specialistiche

X